fb.    in.    be.    pt.

Giornata Mondiale dei Rifugiati Rifugiati

Guerre, povertà, carestie, migrazioni. La maggior parte degli uomini vive, o meglio sopravvive, in condizioni di indigenza estrema. Come un carceriere, la morte, cinica e beffarda, li segue e li veglia. La politica, tanto per cambiare, le sta accanto e si comporta da gran puttana. E poi …tanta gente, indifferente e omertosa, che guarda apatica lo spettacolo, come se non li riguardasse.
Dedico questi lavori a chi ha trovato un rifugio, a chi lo sta cercando e a chi, non essendo mai approdato, ci guarda dall’alto del cielo, con tristezza, angoscia e sgomento.